http://farmacia-senzaricetta.com/

Analisi di Lucio Greco sul caso Eni

21 Settembre 2016
Autore :  

Gela 21 Settembre 2016 - Senza entrare, per ora, nel merito delle scelte tecniche e delle ricadute occupazionali e/o ambientali, la decisione da parte dell’Eni di interrompere la realizzazione della maxi piattaforma Prezioso K, dimostra ciò che sapevamo: l’azienda fa e disfà quello che vuole secondo i propri esclusivi interessi economici ed aziendali, soprattutto quando ha di fronte, come interlocutori, degli amministratori della stazza di Messinese e Siciliano. Lucio Greco di Un’Altra Gela non le manda a dire in merito all’incontro che si è registrato lunedì al Mise, in merito alla vertenza Gela.

La verità è, purtroppo, più semplice di quanto si voglia far credere – dice Greco. L’Eni, attenta, come sempre, a tutte le dinamiche dei territori dove opera, sa bene che Gela, di fatto, non ha una giunta degna di questo nome. L’Eni sa bene, infatti, che la nostra città è amministrata da un sindaco espulso dopo due mesi dal suo insediamento, dallo stesso movimento che lo aveva fatto eleggere, privandolo così di qualunque credibilità, legittimazione e autorevolezza politica. L’Eni sa anche bene che il vice sindaco, a cui lo stesso Messinese ha delegato la gestione di questa importante e delicata trattativa, è storicamente vicino all’azienda e non è quindi un interlocutore scomodo con cui è difficile dialogare. Lucio Greco si pone degli interrogativi. Ma sindaco e vice sindaco sapevano qualcosa di questa decisione? Sono stati informati da tutti quei dirigenti che hanno incontrato in centinaia e centinaia di incontri? Hanno avuto sentore di ciò che bolliva in pentola? A cosa sono serviti, allora, tutti quei viaggi fatti a Roma e strombazzati a destra e a manca come se si fosse conquistata la luna? Di fronte a ciò che si sta verificando e che continuerà a verificarsi, tutti quanti - di centro, di sinistra, di destra, tutti i sindacati, confederali e non - dobbiamo prendere coscienza di una triste verità: in un momento così delicato, la nostra città non può essere guidata da un’amministrazione di questo livello, per giunta non rappresentativa di nessuna forza politica. La loro permanenza – chiude Greco - per motivi tattici, può far comodo a qualcuno; per la città rappresenta, invece, un danno, un grave danno! 

Giuseppe D'Onchia

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments
 

Continua l'era dell'informazione

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009   

Redazione: Via Ventura, 25 - 93012 GELA

Info e prenotazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.