Potenze economiche si ribellano a Trump

02 Febbraio 2017
Autore :  

02 Febbraio 2017 - Il governo Trump non sembra riscuotere gli stessi consensi del governo Obama in diversi ambiti e sono diverse le imprese che si stanno attivando per “compensare” alcune delle decisioni del neo presidente degli USA, Donald Trump, meno condivise.

È il caso di Starbucks, la nota catena di caffetterie,che, in risposta alla chiusura di Trump all’ingresso negli USA di immigrati e rifugiati provenienti da sette Paesi musulmani (Iraq, Iran, Yemen, Libia, Sudan, Somalia e Siria), ha annunciato la prossima assunzione di 10.000 rifugiati in tre anni. L’amministratore delegato di Starbucks, Howard Schultz, ha dichiarato che si tratterà di assunzioni non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo e, per dare una lezione morale a Trump, la priorità spetterà agli immigrati che hanno servito con le forze USA come interpreti o personale di supporto. Starbucks ha preso posizione anche contro il muro che Trump vorrebbe costruire al confine con il Messico: Schultz ha ribattuto che bisogna costruire ponti, non muri con il Messico. Continua a leggere...

 

Redazione

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments
 

Continua l'era dell'informazione

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009 
Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia

 

  

Redazione: Via Ventura, 25 - 93012 GELA

Info e prenotazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.