Mostra Nasa Milano 2017

27 Settembre 2017
Autore :  

27 Settembre 2017 - Tutto iniziò nella notte tra il 20 e il 21 luglio 1696 quando 900 milioni di persone si incollarono agli schermi televisivi per ammirare il primo uomo mettere piede sulla Luna. L’emozione di quel giorno può essere rivissuta visitando la mostra “Nasa.

A Human Adventure” che – da oggi, 27 settembre, sino al 4 marzo 2018 – aprirà le sue porte al pubblico. Quel 21 luglio 1969 viene ricordato da milioni di italiani: furono infatti ben 20 milioni i nostri connazionali che poterono assistere allo spettacolo dell’allunaggio, uno dei momenti più emozionanti della storia dell’uomo e probabilmente il più suggestivo di tutte le esplorazioni spaziali. Da quel momento, infatti, il genere umano capì di potersi spingere ben oltre i confini della Terra: qualcuno direbbe “Verso l’infinito… e oltre!”. Oggi – mentre Elon Musk con SpaceX ci fa sognare Marte – ha aperto a Milano – presso lo Spazio Ventura XV – la prima tappa italiana di “Nasa. A Human Adventure”. Si tratta di una preziosa e grande mostra che ripercorre – attraverso immagini, installazioni e riproduzioni – le tappe fondamentali dell’esplorazione umana dello spazio. In particolare, l’esposizione si estende per 1500 metri quadri, tra razzi, Space Shuttle, Lunar Rover e Simulatore di centrifuga spaziale. Si tratta quindi di un percorso didattico ed emozionante, scientifico e immersivo che – adatto sia per i più piccoli sia per gli adulti – va dal primo lancio nello spazio ai giorni nostri e presenta circa 300 manufatti originali provenienti dai programmi spaziali NASA, la maggior parte di essi in prestito dal Cosmosphere International Science Education Center e dallo Space Museum e dal U.S. Space & Rocket Center, molti dei quali sono stati nello spazio. Scopri di più su http://urbanpost.it. 

 

Redazione

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments

 

 

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia