Riscrivere accordo finanziario con lo Stato per fiscalità di sviluppo

13 Ottobre 2017
Autore :  

13 Ottobre 2017 - “La fiscalità di sviluppo, giustificata da autogoverno differenziato e condizione di insularità, costituisce lo strumento essenziale per il rilancio economico della Sicilia, consentendo l’attrazione di investimenti e di pensionati, ma occorre riscrivere l’accordo finanziario con lo Stato, nel solco del ‘concierto economico’ che hanno stipulato i Paesi Baschi con la Spagna”.

Così il prof. Gaetano Armao nella relazione su 'Autogoverno, fiscalità di sviluppo ed insularità nell’ordinamento europeo', tenuta al Convegno della Universidad del País Vasco/Euskal Herriko Unibertsitatea sul tema 'Significado y funcíon de las regiones con autogobierno y parlamentos legislativos en la construccion de la Europa política', che si è svolto a Bilbao il 10‐11 ottobre 2017. Il prof. Armao, indicato come Vicepresidente della Regione dallo schieramento di centro-destra e leader di SicilianIndignati ha poi sottolineato che “in Europa sono ormai chiari i sintomi di inversione della tendenza all’accentramento statale conseguente alle politiche di austerità. Si apre una nuova fase per l’autogoverno regionale che troverà rilancio anche in Italia con i referendum di Lombardia e Veneto ai quali la Sicilia non può che guardare con favore nel percorso verso un nuovo federalismo che la veda protagonista”. A margine del Convegno Armao ha incontrato dapprima il Presidente del Parlamento regionale on. Bekartxo Tejeria e poi, presso la sede centrale, il Presidente del Partito nazionale Basco, Andoni Ortuzar, col quale si è intrattenuto sull’evoluzione della questione catalana, della questione regionale in Italia e della prospettiva di rafforzamento dell’Europa delle Regioni. Il PNV/EAJ è il partito di maggioranza relativa nei Paesi Baschi ed è alla guida il Governo regionale.

 

Redazione

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments

 

 

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia