http://farmacia-senzaricetta.com/

Il pistolero di sabato scorso è il gelese John Parisi. Arrestato

16 Ottobre 2017
Autore :  

Gela 16 Ottobre 2017 -  E’ stato arrestato e posto ai domiciliari, a disposizione dell’autorità giudiziaria, il giovane che sabato sera, poco dopo le 19, ha sparato colpi d’arma da fuoco all’indirizzo di un catanese di 21 anni, Francesco D’Amico, ferito ad una gamba.

Il pistolero è il gelese John Parisi, anche lui di 21 anni. Il ragazzo è stato individuato dalla Polizia del locale Commissariato. Deve rispondere di lesioni personali aggravate e porto e detenzione di arma comune da sparo. Alla sua identificazione, gli agenti sono giunti analizzando le immagini del sistema di videosorveglianza di un bar. Il grave fatto di sangue si è registrato in via Falcone. Sul selciato, la Polizia ha rinvenuto due bossoli calibro 7.65. La vittima, in ospedale, è stata giudicata guaribile in pochi giorni. Agli inquirenti, che lo hanno interrogato, D’Amico ha riferito che quel sabato sera si era recato a Gela per vedere sua figlia che vive con la madre (una ragazza gelese con la quale il giovane ha interrotto ogni rapporto). A quel punto, gli investigatori, diretti dal dirigente Francesco Marino, hanno concentrato le loro attenzioni verso l’attuale compagno della donna, John Parisi, che al momento degli spari si trovava nei pressi del bar. Lo si vede dalle immagini delle telecamere. Parisi è stato rintracciato dai poliziotti in tarda serata mentre tentava di fare rientro presso la propria abitazione e condotto in Commissariato, dove è stato arrestato. Cosa abbia indotto Parisi a premere il grilletto, non è stato, al momento, evidenziato. Probabilmente vecchie ruggini passionali, in merito a quanto ricostruito dalla Polizia.

 

Giuseppe D'Onchia

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments
 

Continua l'era dell'informazione

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009   

Redazione: Via Ventura, 25 - 93012 GELA

Info e prenotazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.