http://farmacia-senzaricetta.com/

Voto di scambio politico-mafioso. In manette anche Nicosia ex sindaco di Vittoria

21 Settembre 2017
Autore :  

Vittoria 21 Settembre 2017 - Voto di scambio politico-mafioso alle elezioni amministrative del 2016. E’ il capo di imputazione per il quale la Guardia di Finanza di Catania ha eseguito sei misure di arresti domiciliari nel comune di Vittoria.

Tra le persone arrestate c’è anche l’ex sindaco Giuseppe Nicosia, del Partito Democratico. Ordine di custodia anche per il fratello Fabio, attuale consigliere comunale, Giombattista Puccio, Venerando Lauretta, Raffaele Di Pietro e Raffaele Giunta. E’ stata inoltre applicata la misura interdittiva della sospensione dai pubblici uffici nei confronti dell’assessore al bilancio dell’epoca per falsificazione delle autenticazioni delle sottoscrizioni delle liste elettorali. Si tratta di Nadia Fiorellini. Secondo la Procura etnea, che ha coordinato l’inchiesta, i due fratelli Nicosia avrebbero ottenuto l’appoggio del clan mafioso Dominante -Carbonaro. Un contributo notevole è stato fornito dalle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia da cui è emerso con chiarezza l’intreccio affaristico- politico-mafioso che, nella città di Vittoria, ha condizionato e orientato le scelte elettorali anche prima delle elezioni amministrative del 2016. Il quadro delineato dai collaboratori di giustizia è infatti molto ampio ed evidenzia come i fratelli Nicosia abbiano ricevuto a Vittoria il sostegno elettorale della “Stidda” sia nelle amministrative del 2006 e 2011, sia nelle regionali/nazionali del 2008 e 2012. Il convogliamento dei voti, secondo l’inchiesta, veniva ripagato dal sindaco Giuseppe Nicosia con l’assegnazione di appalti e posti di lavoro a favore degli attuali coindagati Giunta e Di Pietro. In questo allarmante scenario le attività dei Finanzieri hanno consentito di tracciare ed attualizzare i contatti avvenuti tra i fratelli Nicosia ed esponenti di vertice della “Stidda.” Si inserisce in questo quadro la strategia politica dei fratelli Nicoisa, orientata a mantenere e consolidare il peso e l’autorevolezza conquistati nel corso dell’ultimo decennio nelle decisioni del governo locale. Il collaudato sistema clientelare si reggeva inoltre anche sui voti degli operatori ecologici: alle ultime elezioni, il sindaco uscente assicurava infatti l’assunzione di 60 dipendenti dalla società subentrante nella gestione dei rifiuti a Vittoria. Nel corso delle indagini è stata monitorata una riunione, sollecitata da Di Pietro tra i fratelli Nicosia e i lavoratori dell’azienda di gestione dei rifiuti, finalizzata a sancire il sostegno elettorale di quest’ultimi proprio a favore dei due esponenti politici.  

 

Giuseppe D'Onchia

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments
 

Continua l'era dell'informazione

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009   

Redazione: Via Ventura, 25 - 93012 GELA

Info e prenotazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.