Approvato il Programma Triennale delle Opere Pubbliche

15 Giugno 2017
Autore :  

Gela 15 Giugno 2017 - La Giunta Municipale di Gela, presieduta dal sindaco Domenico Messinese, ha approvato il Programma Triennale delle Opere Pubbliche.

La disponibilità finanziaria tra il 2017 e il 2019 ammonta complessivamente a poco più di 150 milioni di euro, quasi metà della quale, già da quest’anno, derivante da entrate che hanno destinazione vincolata per legge. Si tratta, in gran parte, di fondi intercettati oltre le casse comunali, come per i 23 progetti presentati dall’amministrazione Messinese nell’ambito del Patto per il Sud. In tutto sono 130 le opere previste nel prossimo triennio, dalle manutenzioni straordinarie a nuove costruzioni, dalle ristrutturazioni alle ultimazioni e ai recuperi. L’apporto di capitale privato con operazioni di finanza di progetto è previsto per la realizzazione del canile municipale, l’ampliamento del cimitero Farello e la piscina coperta nella zona sportiva. Quest’ultima è l’opera che, nell’ambito del Programma Triennale approvato, presenta il maggior importo pari a 17 milioni di euro. Nell’elenco annuale, consultabile anche sul portale del Comune, è possibile apprendere inoltre la conformità, la priorità, lo stato di progettazione e i tempi di esecuzione degli interventi. “Quello che abbiamo approvato in Giunta – ha commentato il sindaco Domenico Messinese – è un imponente piano di opere pubbliche che Gela non conosceva dai tempi della ricostruzione sveva. Oltre ad infrastrutturare la città, puntiamo adesso a mettere in moto settori economici in sofferenza, come quello edilizio, in grado di dare nuovo impulso all’occupazione dei gelesi”. La delibera propedeutica al bilancio di previsione, trascorsi i termini di affissione all’albo pretorio, passerà al voto del Consiglio Comunale.  

 

Giuseppe D'Onchia

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments

 

 

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia