IMU e TASI: il Comune rende note le scadenze di acconto e saldo

19 Maggio 2017
Autore :  

Gela 19 Maggio 2017 - I versamenti per l’Imu e la Tasi vanno effettuati entro venerdì 16 giugno ed entro il prossimo 16 dicembre, rispettivamente come acconto e saldo delle due rate.

Lo ha reso noto il Settore Tributi del Comune di Gela, retto dalla dirigente Maria Morinello. Per il 2017 sono state confermate tutte le aliquote già in vigore nell’anno precedente. Il Comune di Gela ha potenziato il servizio e.Government Portale Tributi che consente ai cittadini di accedere alla propria “Cartella Fiscale” per fruire di servizi e di facilitazioni per la gestione dei propri obblighi tributari. In particolare accedendo al servizio web il cittadino potrà verificare la propria situazione possessoria degli immobili tassati, stampare i modelli F24 precompilati sulla scorta delle risultanze presenti nelle banche dati comunali, presentare la Dichiarazione di Variazione qualora le risultanze presenti negli archivi comunali fossero discordanti rispetto alla reale situazione possessoria, verificare i pagamenti eseguiti negli anni passati e riscontrare eventuali situazioni debitorie che daranno luogo all’emissione di avvisi di accertamento con le maggiorazioni di sanzioni ed interessi. Il cittadino potrà verificare la correttezza dei dati che lo riguardano e segnalare tempestivamente gli eventuali errori tramite lo stesso Portale Tributi o recandosi direttamente all’Ufficio Tributi. Per fruire del servizio bisogna collegarsi al sito www.comune.gela.cl.it e poi fare click sul link Portale Tributi ed accedere alla propria “Cartella Fiscale” tramite il codice fiscale e la password personale. Il cittadino, per gli opportuni riscontri, può farsi collaborare dal proprio consulente fiscale. Maggiori indicazioni, le aliquote e i codici del versamento sono disponibili al link “News dai settori” del sito internet del Comune di Gela. Intanto per il Sostegno per l'Inclusione Attiva è stata abbassata la soglia di accesso relativa alla valutazione multidimensionale del bisogno, un punteggio che viene attribuito sulla base dei carichi familiari, della situazione economica e della situazione lavorativa. Lo ha reso noto l’assessore comunale ai Servizi Sociali Licia Abela dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. Fino ad oggi per accedere al Sia era necessario raggiungere 45 punti, adesso ne basteranno 25. Ciò significa che buona parte delle famiglie con un Isee fino a 3 mila euro in cui sia presente almeno un figlio minorenne o disabile o ci sia un figlio in arrivo, potranno ora accedere al beneficio. 

 

Giuseppe D'Onchia

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments

 

 

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia