http://farmacia-senzaricetta.com/

Gela come Messina? Fiorello: rivolgetevi a Crocetta

05 Novembre 2015
Autore :  

“E’ assurdo che ci si appelli ad un personaggio dello spettacolo. Il Rosario giusto sarebbe Crocetta”. Il messaggio dello showman siciliano Fiorello, twittato sul suo account, sta facendo il giro del web. Proprio a Fiorello, si erano appellate Paola e Giorgia Turco, Vincenzo Scichilone e Paola Giudice, promotori, da alcune giorni di una petizione su Change.org “Gela come Messina”.

Una lettera, che ha raccolto già 2.500 firme, indirizzata alle più alte cariche dello Stato, affinché si mobilitino risolvendo la situazione idrica a Gela. I quattro professionisti gelesi si erano rivolti a Fiorello, perché era stato proprio lui che, una settimana addietro, aveva portato l'attenzione su Messina dopo una settimana senz’acqua. Ma, come sottolineavamo, lo showman ha replicato dicendo che non è lui la persona giusto per affrontare questo problema. Il Rosario da chiamare in causa sarebbe piuttosto Crocetta, ex sindaco di Gela e attualmente governatore della Regione Sicilia. La petizione dei quattro gelesi, è sostenuta da Cgil, Cisl e Uil.“L’operazione di terziarizzazione del sistema idrico integrato – affermano i segretari provinciali dei sindacati, Ignazio Giudice (Cgil), Emanuele Gallo (Cisl) e Maurizio Castania (Uil) – negli ultimi sette anni ha portato a un aumento spropositato delle tariffe, con un rincaro persino del 70%. Su queste gravissime disfunzioni il gestore del bacino, Siciliacque e il distributore Caltacqua fanno a scaricabarile, col risultato che i cittadini sono costretti a pagare bollette esorbitanti per un servizio pessimo. Da anni chiediamo alle istituzioni locali e alla Regione di intervenire ma a oggi nulla di concreto è stato fatto”. Intanto nel pomeriggio, Caltaqua (società che gestisce il servizio idrico nel Nisseno), attraverso una nota, sottolinea che ogni accostamento tra la situazione attuale di Gela e quella di Messina, ancorché mediaticamente suggestiva, appare inappropriata e fuorviante. Si tratta, infatti, di due vicende tra di loro oggettivamente incomparabili e per volerle mettere assieme si deve inevitabilmente forzare la realtà dei fatti rendendo un torto, innanzitutto, alla comunità locale. Si tratta – dice Caltaqua - di situazioni tra di loro incomparabili in quanto profondamente diverse sono le condizioni di partenza, assolutamente differenti i contesti, per nulla paragonabili le attuali condizioni di erogazione idrica. Mentre Messina, a causa di alcuni guasti, sta dovendo fronteggiare da tempo una situazione di emergenza che ha portato alla sospensione totale dell'erogazione idrica, a Gela la distribuzione avviene nel rispetto delle turnazioni programmate. Tutto ciò, ovviamente, al netto degli stop forzati dovuti a guasti improvvisi per i quali, nel caso del territorio di Caltanissetta, è bene rammentare che quasi sempre avvengono per rotture o altre cause che si verificano lungo le condotte del fornitore Siciliacque. Criticità che a volte si registrano anche ben al di fuori dello stesso territorio della provincia di Caltanissetta ma con conseguenze che si scaricano, inevitabilmente, sugli utenti nisseni. E questa è una delle conseguenze del fatto che la provincia di Caltanissetta non sia autosufficiente dal punto di vista dell'approvvigionamento idrico e ciò obbliga ad “importare” il 90% dell’acqua. In quest'ottica gli sforzi che Caltaqua ha prodotto sin dal momento dell'assunzione della gestione del servizio idrico integrato per mettere in cantiere consistenti interventi di ammodernamento e riqualificazione della propria rete di distribuzione sono sotto gli occhi di tutti. Ecco perché – si legge ancora - voler accostare comunque la situazione di Messina, dove ci si trova in presenza di un gestore pubblico, a quella attuale di Gela appare quanto meno poco aderente alla realtà del fatti quando non addirittura si arrivi a rasentare il limite della diffamazione. Quanto, infine, al nodo della torbidità e della presunta non potabilità dell’acqua distribuita occorre ribadire che, sia tecnici del Polo-laboratorio aziendale che l’Asp – organo competente e di controllo - monitorano quotidianamente la qualità dell'acqua in tutta la provincia, e risulta potabile ed idonea agli usi umani. I parametri della torbidità riscontrati sebbene talvolta superiori ai limiti di legge, non compromettono il carattere di potabilità dell’acqua.

Giuseppe D'Onchia

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments
 

Continua l'era dell'informazione

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009   

Redazione: Via Ventura, 25 - 93012 GELA

Info e prenotazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.