http://farmacia-senzaricetta.com/

Base logistica di Gas Naturale Liquefatto a Gela

15 Settembre 2016
Autore :  

Gela 15 Settembre 2016 - Firmata ieri al Ministero dello Sviluppo Economico, una lettera di Intenti per condurre uno studio congiunto di fattibilità per la realizzazione di una base logistica di Gas Naturale Liquefatto a Gela tra il Mise, la Regione Sicilia, l’Amministrazione Comunale di Gela ed Eni, come proseguimento delle attività incluse nel Protocollo di Intesa per l’Area gelese.

Nell’ambito delle iniziative indicate nel protocollo del 6 novembre del 2014, Eni ha completato una prima analisi di fattibilità nel dicembre scorso e, in seguito ai risultati emersi, è stata concordata l’apertura di un Tavolo di lavoro congiunto della durata di 6 mesi con le istituzioni nazionali, regionali e locali, volto a condurre una verifica più approfondita dell’opportunità progettuale, articolata su 4 linee di studio distinte: commerciale; tecnico-realizzativa; logistico-operativa; e regolatoria-autorizzativa. Le attività della Lettera di Intenti saranno sviluppate congiuntamente da un gruppo di lavoro composto da tutte le Parti coinvolte. Eni metterà a disposizione l'esperienza e le proprie competenze tecniche e commerciali in materia di Gnl e, grazie al contributo e al ruolo attivo delle Istituzioni regionali e comunali, sarà possibile investigare il reale interesse e il possibile coinvolgimento di soggetti terzi nello sviluppo e completamento della “catena del Gas Naturale liquefatto”. Inoltre, in un contesto normativo nuovo a livello nazionale, la partecipazione al tavolo del Ministero dello Sviluppo Economico consentirà di monitorare il quadro regolatorio di riferimento e di individuare il percorso autorizzativo per la realizzazione del Progetto. Ieri, a Roma, per l’amministrazione comunale erano presenti il sindaco, Domenico Messinese ed il suo vice, Simone Siciliano. C’erano anche il vice ministro Teresa Bellanova, il vice presidente della Regione Siciliana, Mariella Lo Bello e Luigi Ciarrocchi di Eni. Tra le ipotesi sul tavolo vi è un’infrastruttura logistica di ricezione, stoccaggio e distribuzione, o un impianto di liquefazione, anche alla luce della gestione della distribuzione più efficiente ed affidabile. La lettera d’intenti sottoscritta ieri passa anche per l’individuazione di possibili finanziamenti o di agevolazioni finalizzate a rendere più competitivo il Gnl distribuito da Gela. Tra i canali pubblici, si guarda al Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici. “Concluso positivamente questo iter di 6 mesi – ha spiegato il vice sindaco e assessore allo Sviluppo Economico, Simone Siciliano - che definirà il potenziale di mercato ed individuerà gli operatori industriali e commerciali che in Sicilia sono interessati a partecipare all’iniziativa, vincolati al ritiro del prodotto a condizioni prestabilite, si passerà alla cosiddetta Fase 2. Si tratta cioè della fase esecutiva in cui saranno chiusi gli accordi commerciali, sarà completata l’ingegneria e saranno condivise le autorizzazioni per l’esecuzione del progetto”.  

Giuseppe D'Onchia

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments
 

Continua l'era dell'informazione

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009   

Redazione: Via Ventura, 25 - 93012 GELA

Info e prenotazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.