http://farmacia-senzaricetta.com/

Giuseppe D'Aquila: ""Il dibattito sul Referendum del 17 aprile si sta rivolgendo alla pancia della gente"

15 Aprile 2016
Autore :  

Gela - “Nel pieno rispetto dello strumento del referendum, voterò senza dubbio No. La teoria del “poi vedremo”, in assenza di un piano strategico e di una scelta politica “vera” di fondo, non solo non mi convince ma rischia di rappresentare un pericolo che il Paese e la Sicilia potevano farne benissimo a meno”.

Lo dice il segretario generale della Filctem Cgil Sicilia, Giuseppe D'Aquila, a poghi giorni dall’apertura della consultazione referendaria. "Il dibattito sul Referendum del 17 aprile si sta rivolgendo alla pancia della gente. Il Paese sta perdendo una grande opportunità di dibattito su temi di grande strategicità. Non basta chiudere le raffinerie e tappare i giacimenti di idrocarburi dentro le 12 miglia per risolvere il problema della riconversione energetica del nostro Paese. Ll'Italia, Paese industrializzato, è in quanto tale Energivoro per definizione; produce solo il 10% dell’energia necessaria utilizzando il migliore Mix energetico possibile (Gas e Rinnovabili) e la restante parte viene importata dalla Francia, dalla Germania, dalla Russia e dall’Algeria. Paesi che hanno scelto di determinare Mix energetici basati sul carbone (Germania) e dal nucleare (Francia). Il 90% dell’energia all’Italia necessaria che viene dunque importata, proviene da zone del mondo dove le restrizioni sull’ambiente sono ben diverse dalle nostre, naturalmente in peggio. “Rispetto a questo contesto, - sottolinea D’Aquila- che fatico a scovare nei meandri del dibattito referendario, difendo il lavoro e i lavoratori. Per il segretario generale di Filctem Cgil Sicilia, “se vogliamo invece affrontare il tema su come posso determinare un cambiamento verso un processo energetico differente, qualunque esso sia, dobbiamo allora avere il coraggio di affrontarlo nella sua complessità. Senza ipocrisia e con rispetto di chi ha un’ opinione diversa . Per questi motivi credo che il referendum, al di là del quesito alquanto vuoto, è stata una clamorosa opportunità sprecata. È stato infatti caricato di contenuti "inquinati" che non ci hanno consentito di affrontare i temi veri e nella sua complessità. È stato scelto il percorso più semplice ed abbiamo preferito parlare alla pancia della gente piuttosto che alla loro testa. Abbiamo utilizzato tutti i mezzi per fuorviare il popolo italiano per evitare che questo entrasse nel merito di questioni complesse per le quali nessuno ha la chiave della verità. Di fronte a temi così complessi non ci è concesso semplificare e cedere alla tentazione di affidarsi a soluzioni "illuminate" di chi ha il dovere di spiegare "come" si realizzano le cose, soprattutto se le ripercussioni delle scelte le pagheranno gli altri. Le contraddizioni di questo dibattito, anche in Sicilia – chiude il segretario generale - se si dovesse raggiungere il quorum e dovessero vincere i Si rischiamo di pagarle care in termini ambientali e di sviluppo occupazionale”.

 

Giuseppe D'Onchia

Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Login to post comments
 

Continua l'era dell'informazione

Registrazione Tribunale di Gela N° 96/2009   

Redazione: Via Ventura, 25 - 93012 GELA

Info e prenotazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.